Si possono tenere gli animali legati? Tutela delle leggi contro abbandoni e maltrattamenti- La risposta della Cassazione

In base all’articolo 727 del Codice Penale:

Chi tiene gli animali legati - sia con corde che con catene  commette reato.

Lo ha ribadito la terza sezione penale della Corte di Cassazione nella sentenza 10164/2018; secondo i giudici, infatti, tenere gli animali in catene è incompatibile con la loro natura e provoca loro delle gravi sofferenze. Ecco perché il padrone che tiene il cane - o qualsiasi altro animale domestico - legato è punibile con l’arresto fino ad un anno, oppure con un’ammenda che va dai 1.000 ai 10.000€.

Naturalmente per far sì che il reato venga effettivamente commesso devono sussistere determinate condizioni; ad esempio, per essere sanzionabile il comportamento del padrone non deve essere temporaneo, ma persistente.

Tale legge non tutela solo animali domestici, ma qualsiasi animale.

La ratio legis per questa norma è stata rinvenuta da parte della dottrina nella tutela del sentimento umano, che è offeso dal maltrattamento o abbandono degli animali, e dal Consiglio di Stato nella diretta tutela, «adeguata all'evoluzione dei costumi e delle istanze sociali», degli animali «da forme di maltrattamento, abbandono ed uccisioni gratuite in quanto esseri viventi capaci di reagire agli stimoli del dolore». La Dichiarazione universsale dei diritti degli animali  sancisce all'art. 6 che «L'abbandono di un animale è un atto crudele e degradante».

Inoltre, secondo il Ministero della Salute italiano, «chi abbandona un cane, dunque, non solo commette un illecito penale – Legge 20 luglio 2004 n. 189-ma potrebbe rendersi responsabile di omicidio colposo, quando gli animali abbandonati provocassero incidenti stradali mortali. Lo stesso dicastero, a proposito delle ragioni dell'abbandono, esorta ad una più accorta gestione della fertilità dei propri animali d'affezione, cioè ad «operare un'attenta gestione della vita riproduttiva del proprio animale, per non incrementare il numero degli abbandoni determinati da cucciolate indesiderate e di difficile collocazione»

Contro l'abbandono degli animali sono periodicamente realizzate campagne informative e di sensibilizzazione pubbliche o di associazioni e movimenti.

 

Maria Annunziata Forgione