Sant’Angelo D’Alife, conclusa la procedura d’acquisto di Palazzo Rivellini. Caporaso: “un altro punto del programma elettorale da archiviare”

SANT’ANGELO D’ALIFE – “Si è conclusa in queste ore la procedura d’acquisto di Palazzo Rivellini” a renderlo noto il primo cittadino del Comune di Sant’Angelo D’Alife Michele Caporaso che a pochi mesi dal suo insediamento continua a portare a casa risultati eccellenti con il supporto di una squadra di amministratori a suo dire “attivissimi”.

Era il punto n. 5 del programma elettorale del gruppo: “Il Paese che vogliamo”. “[…] terminare la procedura di acquisto del Palazzo Rivellini, restauro conservativo e recupero teatro. Destinare il secondo piano a spazio polifunzionale di aggregazione per i giovani e creare una villa comunale negli spazi verdi adiacenti il palazzo”.

Dopo una lunga e contorta trattativa si è conclusa questa vicenda con la firma del rogito notarile in presenza del notaio Alberto Criscuolo. “La grande soddisfazione è stata pagare la struttura 225mila euro in meno rispetto a quanto citato nel compromesso redatto da un’Amministrazione che un decennio fa ha trascurato l’intera vicenda. Quasi nulla resta, infatti, delle cose stabilite da quell’Amministrazione inetta, in quanto dopo il contratto alla Cassa Depositi e Prestiti perfezionato dall’Amministrazione Di Tommaso abbiamo lavorato a tutto il resto. A partire dalla valutazione dell’immobile e a finire con la rimodulazione del progetto. Questa amministrazione, anche in presenza della soprintendente Antonietta Manco, ha dovuto rivedere ogni dettaglio del progetto iniziale, ormai obsoleto, che si sta completamente rifacendo”. Ha dichiarato il sindaco Michele Caporaso.


Adele Consola