Manovra, addio congedo di paternità

13 novembre 2018 - Salta il congedo per padri lavoratori nella legge di Bilancio 2019. La manovra non rifinanzia la misura, che nel 2018 concedeva fino a cinque giorni, quattro dei quali retribuiti per intero. Termina così – si legge su pmi.it – la sperimentazione avviata nel 2013 (dalla legge 92/2012), nel corso degli anni prorogata e potenziata, mentre adesso il governo Lega e Cinque Stelle ha deciso di eliminare del tutto.

Nel 2018, il congedo di paternità è utilizzabile entro i primi cinque mesi dalla nascita del figlio. Fino al 2015 prevedeva invece un giorno obbligatorio a cui se ne potevano aggiungere due facoltativi, da concordare con la madre. Nel 2016, due giorni di astensione obbligatoria e altrettanti facoltativi. Nel 2017 è intervenuta la proroga biennale che ha previsto la rimodulazione in quattro giorni obbligatori e uno facoltativo. In tutti i casi, i provvedimenti legislativi si sono limitati a prorogare la misura sperimentale, non introducendo un meccanismo strutturale; dunque, senza proroga esplicita l’astensione di paternità dal 2019 decade.

A rimarcare la mancata proroga per il congedo ai padri nella Legge di Bilancio è stato il presidente dell’INPS, Tito Boeri, che lo ritiene grave, perché i congedi di paternità: “sono uno strumento fondamentale per promuovere una maggiore partecipazione delle donne al mercato del lavoro e per realizzare l’uguaglianza delle opportunità”.

In base ai dati INPS, i congedi utilizzati sono stati 107.369 nel 2017, in crescita del 113% rispetto ai 50.474 del 2013. Dal punto di vista legislativo, l’Italia è comunque indietro rispetto alla media Ue relativa ai giorni di congedo per i padri retribuiti al 100%, pari a otto settimane.


Martina D'Addio