Le spezie, un potente alleato nella nostra alimentazione.

Le spezie da secoli hanno sempre rivestito un ruolo fondamentale per la nostra alimentazione, negli ultimi decenni grazie alla globalizzazione e alla ricerca in campo scientifico e nutrizionale il loro consumo è aumentato, soprattutto grazie ai numerosi benefici nutrizionali che apportano oltre che naturalmente a rendere più gustoso qualsiasi piatto si immagini. In questo articolo analizzeremo alcune spezie dalle spiccate caratteristiche nutrizionali:

  • Aglio: Sin dall’antichità veniva usato come antibiotico naturale, contiene alcaloidi che contribuiscono a mantenere bassi i livelli di glicemia, regolarizza la pressione arteriosa, i livelli di colesterolo ed ha azione antiaggregante piastrinica riducendo così il rischio cardiovascolare, è controindicato in patologie gastro-esofagee.
  • Peperoncino: sia fresco che secco è molto utilizzato, specie nei paesi asiatici, particolarmente ricco di vitamine, in particolare la vitamina C, ma anche carotenoidi e vitamina PP, utile nel trattamento della dispepsia e disfagia, grazie al suo contenuto in antiossidanti e capsaicina (vasodilatatore) utile anche nella prevenzione generale delle malattie cardiache.
  • Zenzero: Pianta originaria dell’estremo oriente, utilizzato sia fresco che in polvere, ha proprietà digestive, infatti riesce a stimolare i normali movimenti di peristalsi di stomaco e intestino ed è utilizzato come rimedio per la dispepsia, stimola la circolazione periferica, possiede proprietà antinfiammatorie e antiossidanti e una evidente azione antinausea, antiemetica (contro il vomito) e antipiretica.
  • Curcuma: Una polvere gialla ottenuta dalla macinazione di alcune piante provenienti dall’Asia, utilizzata soprattutto in India e, grazie alla curcumina, è una spezia dalle diverse proprietà farmacologiche come favorire la produzione di bile e il suo deflusso nell’intestino migliorando la digestione dei grassi e salute del fegato. La curcuma è utile anche nella dispepsia, meteorismo e flatulenza, ricca anche di antiossidanti.
  • Chiodi di garofano: Hanno proprietà anestetiche locali e analgesiche, per questo venivano usati in passato come rimedio naturale contro il mal di denti e ancora oggi sono presenti nella composizione di molti disinfettanti orali. Stimolano la circolazione sanguigna, aiutano a vincere la spossatezza, il mal di testa e la perdita di memoria, sono digestivi e tonificanti. Inoltre, sembrerebbe che i chiodi di garofano rientrino tra i cibi dalle proprietà afrodisiache, Utilizzati spesso in infusi e tisane, altra virtù di questa preziosa spezia è quella di essere un potente antiossidante naturale: combatte l'azione dei radicali liberi mantenendo giovane l'organismo.
  • Cardamomo: Ha un effetto snellente in quanto accelera e stimola il metabolismo: è tra le spezie "scoperte" soprattutto negli ultimi anni sulle tavole europee e dà un sapore fruttato e leggermente piccante a primi piatti e dolci. Si può inoltre masticare o inserire, ad esempio, in una calda tisana prima di andare a dormire: la sua utilità a dimagrire è nota e provata grazie alle sue qualità digestive.

Oltre a queste citate, le spezie in generale, se usate correttamente possono essere validi alleati per la nostra salute, inoltre possono sostituire in parte o del tutto il comune sale da cucina che, specie nei soggetti ipertesi va ridotto o abolito completamente.

Dott. Dietista e Biologo Nutrizionista Marco Lucio Parente