Le anemie: ecco alcuni accorgimenti

Per anemia si intende una riduzione dei livelli di emoglobina presente nell’organismo al di sotto dei livelli di normalità (meno di 12g/100ml nella donna e 13g/100ml nell’uomo) che determina una ridotta capacità del sangue a trasportare l’ossigeno.

Esistono diverse forme di anemia:

Anemia perniciosa o megaloblastica, la cui causa è una carenza di vitamina B12 o Acido Folico;

Anemia Sideropenica, dovuta ad una carenza di ferro, sia da ridotto introito alimentare che da particolari condizioni come gravidanza, allattamento o flusso mestruale abbondante.Per prevenire le forme di anemia appena citate, è fondamentale curare l’alimentazione, osservando alcuni accorgimenti:

Il ferro lo si può trovare in parecchi alimenti, quello di origine animale, detto anche ferro eme, lo si ritrova in carni rosse magre, carni bianche e pesce, in particolare molluschi, quello di origine vegetale o ferro non eme, lo possiamo trovare in cereali, verdure, e legumi, ma di più difficile assorbimento. La vitamina C consente di aumentare l’assorbimento del ferro, pertanto è consigliato assumerlo nello stesso pasto insieme ad agrumi, frutta come kiwi, uva o verdura come broccoli, o semplicemente condire il tutto con del limone ed abbinarlo ad un bel piatto di legumi. La cisteina, amminoacido che ritroviamo ad esempio nelle carni, ha la capacità di aumentare l’assorbimento del ferro contenuto nei vegetali, quindi è buona prassi abbinare alla carne un bel piatto di verdure.     Come citato già in precedenza sono di rilevante importanza anche le vitamine del gruppo B che troviamo sia in alimenti di origine animale che vegetale e l’acido folico, che troviamo in verdura a foglia verde, nei germogli di grano, nel fegato che, se assunti con i giusti criteri, e facendo particolare attenzione alla cottura degli alimenti, rappresentano degli alleati fondamentali per la nostra salute.

                                                                                       Dott. Dietista Nutrizionista Parente Marco