La ricerca dell’amore parte II

Sono 4 le regole che dovrebbe rispettare chi fa volontariato:

  1. Incontrare le persone e affrontare i problemi e non il contrario;
  2. accompagnare e non portare, perchè bisogna rispettare i tempi di tutti: aspettare sempre tutti perchè ognuno ha il suo passo;
  3. non bastano le risposte tecniche, ma ci vuole il coinvolgimento, la passione, l’avere a cuore l’altro mettendosi in gioco;
  4. mettere sempre al centro, costi quel che costi, in qualunque luogo o situazione, la dignità della persona

(don Mimmo Battaglia)

Ho voluto ricominciare a parlare di Nicola Lancellotta, fondatore della comunità Galaad introducendo le bellissime parole del vescovo della nostra diocesi di Cerreto Sannita – Telese – Sant’Agata de’ Goti, perchè sono da me non solo personalmente condivise, ma riscontrate in tale comunità, dove persone disagiate e abbandonate dalla nostra società, hanno ritrovato gesti, non solo parole, di amore.

Un giorno una persona mi ha consigliato di non soffermarmi sul lato religioso della stessa comunità, nel rispetto di coloro che non credono in nessun Dio, ma non farlo significherebbe raccontare mezze verità, in quanto il fondatore, essendo molto religioso, si è avvalso del sostegno di moltissimi sacerdoti e vescovi nell’aiutare i ragazzi, praticando concretamente il Vangelo.

Programma della giornata di comunità:

6.30: Sveglia

6.50 Colazione

Dopo la preghiera – confronto con la Parola di Dio – proponendo di vivere la giornata secondo il messaggio del Vangelo tramite il contributo di don Vladimiro e don Franco

Condivisione di gruppo – condividere la giornata precedente per far emergere le fragilità e confrontarsi, facendo emergere il senso di responsabilità.

13.30: Pranzo (tramite provvidenza) – Pulizia domestica

15.00: Rosario della Divina Misericordia – seconda formazione di gruppo – condivisione – rileggendo quello fatto nella prima fase del gruppo: impegni – organizzazione lavorativa – preghiera – cena

Cerchio della buona notte – terzo gruppo della giornata: gli errori della giornata, propositi portati a buon fine.

In settimana dei docenti, offrono lezione di musica, inglese e costruzione di strumenti, e due volte a settimana incontro con psicoterapeuta per terapia personale e una volta a settimana palestra e partita di pallone.

Laboratori di strumenti, falegnameria, pane, formaggi, gessi che poi vengono venduti.

Grazie a chi come Nicola Lancellotta, sa ascolatare, aspettare, aprire le porte senza pregiudizio amando al di la del tempo, della distanza, delle differenze o delle idee, emozionando e rendendo più colorata la nostra vita!

Mary Forgione