"Fateci uscire da qui” Storia di Maria Simma

Maria Simma nacque nel 1915 in un paesino dell’Austria, da una semplice e umilissima famiglia di campagna, morta il 16 marzo del 2004; nonostante la sua vocazione religiosa, la sua missione era diversa sebbene sempre a servizio del Signore, imparò in fretta la sua capacità di vedere e parlare con le anime del purgatorio, che di notte si manifestavano in casa sua per chiederle preghiere e opere di bene per passare in fretta in Paradiso, finendo così l’espiazione del Purgatorio. Seguita spiritualmente dal suo parroco, affrontò e superò le sue insicurezze e le sue paure, mettendosi al servizio delle anime, testimoniando tramite convegni la sua esperienza al fine di far comprendere alle persone l’esistenza dell’aldilà e la forza della fede e della preghiera. Questa storia ovviamente causò scalpore non solo in Austria, per la consapevolezza dell’ esistenza e della presenza delle anime che nonostante il distacco dal corpo con la morte, possono continuare a interagire con noi viventi, mettendosi in contatto con le persone care in cambio di preghiere, lanciando messaggi di speranza.

Nelle sue interviste Maria Simma  sottolinea che nell’aldilà c’è una differenza sostanziale dalle anime che durante la loro vita terrena hanno agito sempre con bontà e lealtà , che dopo la morte soffriranno in modo meno eccessivo rispetto a coloro che invece hanno agito con poca misericordia, facendo prevalere il proprio “Io”.

La Giustizia Divina  si manifesterà sempre dopo la morte e nulla resterà impunito, ogni nostra colpa verrà scontata e ogni nostro gesto amorevole verrà ricordato!

  1. Maria, Madre di Dio, riversa su tutta l’umanità il fiume di grazia che sgorga dal tuo Amore infuocato, ora e nell’ora della nostra morte! Amen

  2. Preghiera che libererà molte anime dal Purgatorio) Eterno Padre, io ti offro il Sangue preziosissimo del Tuo Divin Figlio, Gesù, in unione con tutte le Messe celebrate oggi nel mondo, in suffragio di tutte le anime Sante del Purgatorio, per i peccatori di tutto il mondo, per i peccatori della Chiesa Universale, del mio ambiente e della mia famiglia. Amen.

Assunta Trebisondi