Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

XX del Tempo Ordinario, Anno A

+ Dal Vangelo secondo Matteo: (Mt 15, 21-28)

In quel tempo, partito di là, Gesù si ritirò verso la zona di Tiro e di Sidòne. Ed ecco una donna Cananèa, che veniva da quella regione, si mise a gridare: «Pietà di me, Signore, figlio di Davide! Mia figlia è molto tormentata da un demonio». Ma egli non le rivolse neppure una parola.

Allora i suoi discepoli gli si avvicinarono e lo implorarono: «Esaudiscila, perché ci viene dietro gridando!». Egli rispose: «Non sono stato mandato se non alle pecore perdute della casa d’Israele».

Ma quella si avvicinò e si prostrò dinanzi a lui, dicendo: «Signore, aiutami!». Ed egli rispose: «Non è bene prendere il pane dei figli e gettarlo ai cagnolini». «È vero, Signore – disse la donna –, eppure i cagnolini mangiano le briciole che cadono dalla tavola dei loro padroni».

Allora Gesù le replicò: «Donna, grande è la tua fede! Avvenga per te come desideri». E da quell’istante sua figlia fu guarita.

 

Condividere la Parola…

Chi è straniero su questa terra? Se tutti siamo stranieri? Gesù incontra una donna cananea, quindi una donna straniera, si rivolge a lei con una durezza sconcertante; questa donna ha una figlia indemoniata e chiede a Gesù di guarirla, lei non sa niente di Lui, vede passare di lì un santone (quanti ne abbiamo ancora oggi), si rivolge a Lui per chiedere il miracolo, credo o non credo, quello che conta è il miracolo; Gesù non risponde, specchio del silenzio di Dio nei nostri confronti, quando ci rivolgiamo a Lui non come ad un Padre ma come ad un guaritore. Non mi conosci, non sai nulla di me e pretendi lo stesso trattamento di chi mi segue? È severo! Ma la donna non si offende, resta e riconosce il suo errore,  chiede a Gesù semplicemente con umiltà qualche briciola, proprio per questo Gesù la pone da esempio di donna di fede; a volte la conversione, il pensiero e la riflessione ci aiutano a capire che abbiamo a che fare con un Padre buono e non un dittatore. Siamo dunque tutti stranieri in cerca di una terra promessa che solo Dio ci può donare!