Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

19 Gennaio 2020 

II Domenica del Tempo Ordinario 

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1, 29-34)

In quel tempo, Giovanni, vedendo Gesù venire verso di lui, disse: «Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo! Egli è colui del quale ho detto: “Dopo di me viene un uomo che è avanti a me, perché era prima di me”. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua, perché egli fosse manifestato a Israele».

Giovanni testimoniò dicendo: «Ho contemplato lo Spirito discendere come una colomba dal cielo e rimanere su di lui. Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: “Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito Santo”. E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio».

Condividere la Parola…

È da poco ricominciato il tempo Ordinario e oggi il Vangelo ci rimette in sintonia sulla vita e la missione di Gesù. Ancora una volta è Giovanni a guidarci in questo cammino, riconoscendo e indicandoci chi è Gesù: Egli è l’Agnello di Dio, colui che toglie i peccati del mondo.

Perché agnello di Dio? Durante la Pasqua ebraica veniva ucciso un’agnello per ricordare l’uscita dalla schiavitù dell’Egitto da parte del popolo ebraico, oppure in riferimento ad Isaia che vede il Messia come “un agnello condotto al macello (Is 53,7). Giovanni quindi riconosce in Gesù il Messia che viene come un agnello, mansueto, disposto a morire per i peccati del suo popolo, che si dona totalmente per amore. Ancora, Giovanni ha contemplato e ha visto scendere su Gesù lo Spirito Santo, che non è sceso e ritornato al Padre ma “rimane su di Lui”.

 Quello che più mi colpisce è il fatto che Giovanni ripete “io non lo conoscevo” è qualcosa che ci riguarda molto da vicino, annunciamo Gesù ma non lo conosciamo! Non abbiamo fatto esperienza di Lui, sia questo un monito per riflettere e approfondire il nostro rapporto con Gesù. Noi siamo cercati e amati da Dio, cerchiamo Dio per amarlo e vivere alla Sua Presenza.

don Guido Santagata