Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

Domenica 5 Gennaio 2020

II Domenica dopo Natale

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 1,1-18)

In principio era il Verbo,

e il Verbo era presso Dio

e il Verbo era Dio.

Egli era, in principio, presso Dio:

tutto è stato fatto per mezzo di lui

e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.

In lui era la vita

e la vita era la luce degli uomini;

la luce splende nelle tenebre

e le tenebre non l’hanno vinta.

Veniva nel mondo la luce vera,

quella che illumina ogni uomo.

Era nel mondo

e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;

eppure il mondo non lo ha riconosciuto.

Venne fra i suoi,

e i suoi non lo hanno accolto.

A quanti però lo hanno accolto

ha dato potere di diventare figli di Dio:

a quelli che credono nel suo nome,

i quali, non da sangue

né da volere di carne

né da volere di uomo,

ma da Dio sono stati generati.

E il Verbo si fece carne

e venne ad abitare in mezzo a noi;

e noi abbiamo contemplato la sua gloria,

gloria come del Figlio unigenito

che viene dal Padre,

pieno di grazia e di verità.

 

Condividere la Parola…

Prima di ogni cosa, in principio, all’inizio di tutto, c’è il Verbo di Dio, la Sua Parola, Dio stesso! Chiunque accoglie questa Parola nel proprio cuore riceve un potere, un potere grande, quello di essere Figlio di Dio! È questo il motivo per cui ogni anno continuiamo a celebrare il Natale, Cristo torna a nascere per rinascere in me, nella mia vita, nelle mie cose, perché io ritorni a nascere dall’alto, cioè da Figlio di Dio! Dio si fa carne, uomo come noi, per far si che noi diventiamo come Lui, è lo straordinario e misterioso scambio tra la nostra povertà e la Sua grandezza, una grandezza accessibile a noi! Il creatore si fa creatura perché noi creature lo sentiamo vicino, con la tenerezza e la bellezza di un bambino che chiede di essere accolto, cercato, desiderato, amato! È questo il nostro Dio, un Dio mendicante del nostro amore, un Dio che ama chiedendo in cambio amore, solo amore!

don Guido Santagata