Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

Domenica 01 Dicembre 019

I Domenica di Avvento, (Anno A)

+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 24,37-44)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.

Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo».

Condividere la Parola…

Siamo di nuovo giunti alla prima Domenica d’Avvento, all’inizio di un nuovo anno liturgico, ci attendono quattro settimane di preparazione al Natale del Signore, settimane segnate dal tema dell’attesa, atteggiamento fondamentale di ogni Cristiano. In questa attesa siamo chiamati a preparare una culla nel nostro cuore per accogliere Dio, non avendo paura di accoglierlo in un tugurio, ciò che conta in questo periodo di preparazione è la predisposizione d’animo. Gesù ci chiede, non domani, ma qui ed ora: “Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà.”(Mt 24,42), facendo degli esempi della vita di ogni giorno, gli uomini che lavorano in un campo, le donne che macinano alla mola, uno è preso, l’altro lasciato. Uno incontra Dio, l’altro no! Questa è la differenza nella nostra vita quotidiana, tanta gente compie il proprio dovere, portano a termine le proprie attività, ma non tutti le svolgono vivendo in Dio, solo chi vive alla sua presenza avrà la gioia dell’incontro con Lui. Allora questo periodo d’Avvento è una buona occasione per spalancare il nostro cuore e vivere l’attesa come una sentinella sempre pronta, perché è proprio nel momento che non immaginiamo che Dio entra nella nostra storia e sconvolge totalmente la nostra vita. Cercare Dio sia il nostro pensiero fisso in questo cammino che ci conduce al Natale.

Guido Santagata