Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

Domenica 13 Ottobre 2019
XXVIII Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)  

+ Dal Vangelo secondo Luca (17, 11-19)

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.

Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati. Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano. Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

Condividere la Parola…

Questa Domenica il Vangelo ci presenta la guarigione dei dieci lebbrosi, da subito ci colpisce la richiesta che questi fanno a Gesù: « Maestro, abbi pietà di noi!». Questi dieci sentono in cuor loro di essere bisognosi di misericordia e di pietà davanti a Dio; Gesù gli chiede di andare dai sacerdoti, mentre vanno guariscono, guariscono perché si fidano della Sua Parola, guariscono lungo il cammino della Fede; tutti guariti! Uno solo però è salvato! Perché? È l’unico che ritorna indietro a ringraziare, è l’unico che ha compreso davvero chi l’ha guarito, ha ascoltato il suo cuore, solo chi ascolta il cuore comprende da dove viene l’Amore! “Va la tua Fede ti ha salvato!” È la nostra libera scelta di seguire e fidarci di Dio che ci salva! È la nostra Fede in Lui che ci salva! Il Signore ridona la vita! Cosa possiamo rendergli? Il nostro amore, la nostra vita! Rispondiamo alla vita con la vita! All’amore con l’amore!

Tutti abbiamo ricevuto in dono la vita, spesso siamo pochi a rispondere, perché la Fede è questo, la nostra libera risposta all’amore di Dio per noi! Impariamo a dire la più semplice e bella preghiera che abbiamo: Grazie!

Guido Santagata