Alla Sua Presenza...Vangelo della Domenica

Domenica 20 Gennaio 2019
II Domenica del Tempo Ordinario (Anno C)

+ Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 2,1-11)

In quel tempo, vi fu una festa di nozze a Cana di Galilea e c’era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno vino». E Gesù le rispose: «Donna, che vuoi da me? Non è ancora giunta la mia ora». Sua madre disse ai servitori: «Qualsiasi cosa vi dica, fatela».Vi erano là sei anfore di pietra per la purificazione rituale dei Giudei, contenenti ciascuna da ottanta a centoventi litri. E Gesù disse loro: «Riempite d’acqua le anfore»; e le riempirono fino all’orlo. Disse loro di nuovo: «Ora prendetene e portatene a colui che dirige il banchetto». Ed essi gliene portarono. Come ebbe assaggiato l’acqua diventata vino, colui che dirigeva il banchetto – il quale non sapeva da dove venisse, ma lo sapevano i servitori che avevano preso l’acqua – chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti mettono in tavola il vino buono all’inizio e, quando si è già bevuto molto, quello meno buono. Tu invece hai tenuto da parte il vino buono finora». Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù; egli manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.


Condividere la Parola…    

Questa Domenica Gesù inizia il suo ministero pubblico, ogni qual volta mi fermo a riflettere su questo testo, mi rendo conto che il suo agire tra la gente non parte dai luoghi in cui tutti ci saremmo aspettati (povertà, malattia, sofferenza…) ma da una festa di nozze, la domanda è perché? Forse perché vuole far capire al mondo che il legame tra Dio è l’uomo non è quello di un rapporto tra padrone e schiavo ma un rapporto tra amata e amato, un rapporto nuziale! La sua presenza e azione alle nozze di Cana è una presenza importante, Gesù fa comprendere al mondo che l’amore è principio e centro di tutto; Cosa c’è di più bello e straordinario nel mondo? L’AMORE! Dio abita l’amore! in ogni singolo gesto e segno di amore, Dio è nelle mani che accarezzano e donano forza, Dio è nel sorriso puro di un bambino, Dio abita il nostro sguardo ogni qual volta dona tenerezza…

Quante volte anche nella nostra vita viene a mancare il vino? Il vino da sempre è segno di convivialità, gioia, spensieratezza, amore, se viene a mancare c’è solo un modo per colmare questo vuoto, Maria ci dona la risposta: «Qualunque cosa vi dica, fatela». Per far sì che la nostra vita sia piena, cercate di mettere in pratica la Sua Parola, è l’unico modo per riempire il nostro vuoto esistenziale… apriamoci a Dio e il vino della Sua Grazia abbonderà nei nostri cuori!

Guido Santagata