AD ARIANO IRPINO "DESIGN/AUTOPRODUZIONE"

L'inaugurazione della mostra del duo irpino/berlinese venerdì 21 dicembre alle ore 18

 

"DESIGN/AUTOPRODUZIONE", l'inaugurazione venerdì 21 dicembre 2018 alle ore 18: una mostra personale dedicata ai progetti di STUDIO MONDOCUBO, il duo irpino/berlinese attivo nell'ambito del product design internazionale dal 2009. Circa 20 i prodotti in mostra che esplorano l'estetica del duo irpino/berlinese. Un universo fatto di matericità, linee semplici e contemporanee che fanno dell'artigianalità una costante di una politica produttiva impostata tutta sulla piccola serie, e sulle serie limitate. La mostra, organizzata dal Museo Civico e della Ceramica con il patrocinio del Comune di Ariano Irpino, sarà aperta fino all'11 gennaio 2019 secondo gli orari di apertura, presso il Palazzo Forte del centro del Tricolle.

Un progetto che muove i passi da Grottaminarda in Irpinia, per insediarsi poi a Berlino nel gennaio del 2009 dove fondano prima lo studio d'arte, design e progettazione MONDOCUBO e successivamente e il brand di design autoprodotto ORTOGONALE. Figli entrambi di falegnami/mobilieri, Rossella Flammia, classe 1977, e Paolo Picone classe 1976 si formano presso la Facoltà di Architettura di Napoli "Federico II". Nel 2009 a Berlino e cominciano un percorso lavorativo all'interno di collettivi di artisti e studi d'arte internazionali, che li porterà già nel 2010 ad avere un atelier presso l'EUROPEAN CREATIVE CENTER di Weissensee nel quartiere storico della capitale tedesca fulcro del razionalismo di Bruno Taut e Mies Van Der Hohe.


Ad oggi hanno esposto presso Design District Helsinki (Finnland), Guggenheim Museum /Deutsche Bank Museum Berlin (Germany), Museo Internazionale Arti Applicate - Torino (Italia), TUMO Center for Creative Technologies - Erevan (Armenia), Random Studio Exhibition - Hangzhou (China), Lugano Design District (Switzerland), DESIGN DAYS - Stettin (Poland), Design Tage Brandeburg - Postdam (Germany), Open Design Italia - Venice (Italy), Expo 2015 - Milano (Italy).

 


Federica Landolfi